La storia di un giovane povero

Condividi

Caso unico alla Rai, dove si sputerebbero in faccia anche i due innamorati di Peynet, materia di ricerca per uno psicoanalista. Sarebbe davvero interessante sottoporre test freudiani ai 140 redattori del Tg2 che a inizio di settembre scorso hanno espresso all’unanimità  (sì, unanimità  alla Rai!) la propria preferenza verso il direttore ad interim (dopo l’interim di De Scalzi successivo alle dimissioni di Mario Orfeo) e capire quale magia li abbia compattati come un esercito di Braveheart per ottenere la conferma di Marcello Masi, 52 anni, romano, al timone da soli tre mesi. Fatto sta che il 7 settembre scorso Il Giornale ha titolato ‘Tutti pazzi per Masi, direttore senza tessera Usigrai’ e che tre settimane dopo il Cda non ha potuto che ufficializzare la nomina senza fare tanti calcoli su quote e controquote.
Vale la pena conoscere la storia di questo pastore di anime giornalistiche, questo San Francesco che riesce a far svolazzare attorno a sé gli uccelli felici di Saxa Rubra.
Da dove viene?

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 425 – febbraio 2012