CINEMA: ANAC A ORNAGHI “LEGGE DI SISTEMA E FUS”

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – “Fin dalla sua nascita l’Associazione Nazionale degli Autori Cinematografici ha orientato la sua azione di politica culturale nel sostegno e nella promozione in tutte le sedi di un cinema di impegno e di qualita’ oggi magnificamente rappresentato dalla importantissima affermazione di ben due opere nel recente Festival di Berlino”. Cosi’ il Presidente dell’Anac Ugo Gregoretti ha aperto l’incontro con il Ministro Lorenzo Ornaghi che ha mostrato di apprezzare e condividere queste parole.
All’incontro del 21 febbraio con il Ministro Ornaghi affiancato dal Direttore Generale Cinema Nicola Borrelli erano presenti Citto Maselli, Nino Russo, Emidio Greco e Alessandro Rossetti.
L’Anac – pur consapevole dell’oggettivo limite temporale in cui si muove questo governo – non ha rinunciato “a ribadire l’esigenza prioritaria di una legge di sistema (incardinata nel documento espresso fin dal 2006 nel seminario a cura delle Giornate degli Autori) e del rifinanziamento adeguato del Fus per riavvicinare l’Italia al livello dei finanziamenti di cui godono altri Paesi europei strutturalmente simili al nostro”. L’Anac ha “altresi’ posto al ministro una serie di questioni “politiche” e provvedimenti urgenti che e’ possibile realizzare nel breve periodo. In particolare la richiesta di riqualificare e riorientare l’assegnazione delle risorse per rilanciare la produzione di cinema di qualita’ (con un particolare riferimento al progetto Indi Cinema per la produzione di film a basso costo e l’occupazione giovanile); la creazione di ammortizzatori sociali; la difesa, il rilancio e il sostegno nella trasformazione digitale per le sale urbane e nei piccoli comuni; la possibile concertazione, per dare risposte organiche e sinergiche ai problemi, con altri ministeri e istituzioni regionali”.
Il Ministro Ornaghi, prosegue la nota dell’Anac, si e’ mostrato sensibile e d’accordo con molte delle proposte avanzate e ha garantito che, nonostante le difficolta’ di bilancio, muovera’ la sua azione con riferimento ad un quadro strategico di piu’ ampio respiro e tenendo in considerazione l’esigenza di dare una risposta concreta in termine di occupazione con particolare riferimento alla questione giovanile e nel quadro di un’azione di concerto con gli altri Ministeri e con le Regioni. (ITALPRESS).