Papa/ Su suo account Twitter un messaggio al giorno per Quaresima

Dall’account @Pope2You messaggi approvati da Benedetto XVI
Città  del Vaticano, 23 feb. (TMNews) – Il Papa manderà  un ‘tweet’ al giorno per il periodo di Quaresima dall’account @Pope2You. E’ di due giorni fa il messaggio “Benedetto XVI ti invita a celebrare con lui il tempo di Quaresima. Il Messaggio del Santo Padre verrà  diffuso attraverso Twitter #quaresima”. Ieri, mercoledì delle ceneri e primo giorno di Quaresima, il primo ‘tweet’ tratto dalla lettera agli ebrei di San Paolo. “Prestiamo attenzione gli uni agli altri, per stimolarci a vicenda nella carità  e nelle opere buone”. Oggi un nuovo ‘tweet’: “Fratelli e sorelle, la Quaresima ci offre ancora una volta l’opportunità  di riflettere sul cuore della vita cristiana: la carità “. Appunto su Twitter, il direttore di ‘Civiltà  cattolica’ Antonio Spadaro scrive: “Il #Papa sta per aprire il suo account ufficiale su #Twitter. I tweets non saranno inviati da lui ma riceveranno l’approvazione”.

“Abbiamo aperto il sito ‘Pope2you’, dedicato ai giovani, già  da alcuni anni, che registra visite stabili di migliaia di giovani da varie parte del mondo”, spiega su ‘Radio vaticana’ il capo del dicastero vaticano delle Comunicazioni Sociali, monsignor Claudio Maria Celli. “Per Natale, avevamo offerto la possibilità  di meditazioni dalla Terra Santa. Quest`anno, invece, abbiamo pensato di lanciare via Twitter il Messaggio del Papa per la Quaresima. Con l`aiuto anche del Pontificio Consiglio Cor Unum abbiamo scelto delle piccole delle frasi, – il ‘tweet’ come noto esige circa 140 caratteri – pensando che un modo per far conoscere ai giovani il Messaggio del Papa fosse proprio quello di utilizzare un mezzo che oggi i giovani usano ampiamente. Perché questa scelta? Perché crediamo che i giovani abbiano una capacità  di risonanza molto grande: il ‘tweet’ può essere riformulato, ridistribuito, rilanciato, disseminato… allora, direi che questo richiama l`immagine del Vangelo: il piccolo grano di senape che, sparso sul terreno, produce arbusti dove anche gli uccelli del cielo possono riposare”. “Quando abbiamo proposto al Papa di aprire un canale vaticano su Youtube, ha accettato subito”, spiega l’arcivescovo. “E’ interessante: un Papa che a prima vista non appare mediatico come lo era il suo predecessore e Beato Giovanni Paolo II, anzi è un Papa più riservato, ha subito capito pienamente come oggi la comunicazione attraverso le nuove tecnologie possa avere una grande risonanza. Posso dire già  da adesso – e questa è una nuova notizia – che, d`intesa con la Segreteria di Stato, il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali farà  sì che gli Angelus del Papa e alcuni suoi interventi comincino a risuonare via ‘tweet’. Quindi apriremo – potremmo definirlo così – un canale del Santo Padre tra i ‘twitters'”. Il Papa “ha già  approvato e pensiamo che si possa partire quanto prima. E non solamente con gli Angelus, ma, ad esempio, anche con gli interventi del Papa su un determinato Paese, quando domanda collaborazione, aiuto per certe forme di necessità , o con certe feste tipiche del nostro calendario religioso: il grande Messaggio di Natale, il Messaggio di Pasqua…”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)