RAI: GASPARRI, PROPOSTA PRESIDENTE UPA E’ CONTRADDITTORIA

Condividi

(AGI) – Roma, 24 feb. – “Il presidente dell’Upa entra in un’evidente contraddizione. Da un lato dice che gli studi che ha fatto condurre propendono per la tesi di una Rai sotto controllo pubblico. Cio’ contraddice gli auspici di tanti e le possibilita’ di apertura al mercato che le leggi vigenti consentono. E’ singolare che chi si occupa di pubblicita’ diventi un difensore di un’impostazione statalista. Dall’altra l’Upa propone una fondazione in cui sia rappresentata la realta’ sociale, culturale, economica ed istituzionale del paese in cui comunque la politica sarebbe sempre presente, facendo parte della realta’ istituzionale. E non si capisce poi come si dovrebbero formare le rappresentanze di questa fondazione”. Lo afferma il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri.
“Chi vuole una Rai pubblica deve rispettare le sentenze della Corte Costituzionale. Capisco che chi vive in un mondo di spot possa non aver letto questo tipo di documentazione, ma quando ci si accosta in maniera cosi’ imprecisa ad argomenti delicati ha il dovere di un approfondimento. Leggano le sentenze della Consulta ed evitino di proporre costruzioni simil-partitocratiche senza nessuna chiarezza sotto il profilo delle garanzie per la democrazia ed il pluralismo. A meno che – conclude Gasparri – i pubblicitari vogliano travestirsi da fondazione per impossessarsi, per i loro scopi commerciali e speculativi, del servizio pubblico”. (AGI)