GIOCHI: RICCARDI, VIETARE SPOT PER QUELLI D’AZZARDO

(AGI) – Roma, 29 feb. – “Il fenomeno del gioco d’azzardo sta assumendo in alcuni casi i contorni di una vera e propria dipendenza psicologica: in un momento di difficolta’ economica, il miraggio di una ricchezza facile e immediata ha mandato in rovina molte persone”. Lo sottolinea in una nota il ministro per l’Integrazione e la Cooperazione internazionale Andrea Riccardi, chiedendo di arrivare “al divieto di pubblicita’, come nel caso delle sigarette o, almeno, a una ferrea regolamentazione degli spot”. E spiega che “particolarmente esposti ai rischi di dipendenza risultano essere appartenenti alle categorie piu’ deboli: giovani, disoccupati, famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese, anziani soli”. Per questo motivo, continua Riccardi, “al momento del conferimento delle deleghe ho chiesto ai miei uffici di studiare il problema, che e’ piuttosto complesso. Guardo con favore alla discussione che si apre domani in Senato sulla materia, ma mi riservo anche la possibilita’ di intervenire direttamente”. E ha concluso: “Lo Stato, che incassa molte risorse da questo settore, non puo’ non occuparsi delle categorie piu’ a rischio e dei problemi non marginali, spesso veri e propri drammi sociali, che il gioco d’azzardo produce”. Il ministro Riccardi ha, tra le altre deleghe, quella per i Giovani, la Famiglia e la lotta alle dipendenze. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro