INTERNET: SIDDI, REGOLE A RETE SONO SFIDA PIU’ ESALTANTE

(ANSA) – ROMA, 6 MAR – “Dare regole a Internet è la sfida più esaltante del mondo dell’informazione nei prossimi anni”. Così il segretario del sindacato italiano dei giornalisti (Fnsi), Franco Siddi, ha sintetizzato il dibattito che si è tenuto oggi a Roma nella sede Fnsi, ‘Il lato oscuro della Rete’, organizzato dall’Unione cattolica stampa italiana (Ucsi). Il convegno ha cercato di affrontare la questione dei reati via Internet e della possibilità  di prevenirli e reprimerli. Sul tema le opinioni sono state discordanti. L’hacker Fabio Ghioni (coinvolto nel processo Tavaroli per le intercettazioni Telecom) ha detto che “Internet non si può controllare. La sfida del legislatore è inutile. Se non c’é un governo globale, come fai? Pretendere da operatori di altri Paesi che rivelino i dati dei loro clienti è puro esercizio intellettuale”. Ghioni si è detto favorevole all’obbligo per chi va in Rete di fornire i suoi dati reali “ma così – ha aggiunto – Facebook fallirebbe subito”. Parere diverso quello del presidente dell’Ucsi, Andrea Melodia: “La tutela della privacy in Rete ha senso se prima c’é trasparenza sulle identità . Posso pretendere di rimanere anonimo se prima non nascondo la mia identità . La censura in Cina e Iran, pur negativa, dimostra che c’é la possibilità  di dare regole”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti