INTERNET: SUI VIDEO PACE FATTA TRA I COLOSSI CINESI YOUKU E TUDOU

(AGI) – Pechino, 12 mar. – Dopo mesi di battaglia legale, i due principali siti cinesi di condivisione di video fanno la pace, e si avviano verso la fusione. Youku, sorta di YouTube “con caratteristiche cinesi”, e Tudou, che trasmette programmi televisivi, film e video caricati dagli internauti, diventeranno un’unica piattaforma. La societa’ che nascera’ dei due giganti del web si chiamera’ Youku Tudou. In un comunicato congiunto, le due societa’ hanno annunciato oggi di “avere firmato un accordo definitivo” che permette a Youku di acquisire Tudou in una “stock-for-stock transaction”. Come si legge su agichina24.it, il gruppo fondato da Victor Koo, gia’ presidente del portale cinese Sohu, e’ on line dal dicembre 2006. L’altro gigante del video sharing, Tudou, e’ comparso sul web per la prima volta nell’aprile del 2005. La battaglia tra i due colossi dei video su internet era iniziata nel dicembre scorso con scambi di accuse reciproche sulla violazione dei diritti d’autore. Nel gennaio 2010, i due gruppi avevano annunciato la creazione di un network di trasmissione e condivisione di video con contenuti forniti da entrambi. Il contenzioso tra Youku e Tudou e’ stato visto in Cina come un tentativo di risolvere la questione dei diritti d’autore, un tentativo che con la fusione tra i due gruppi, sembra messo da parte. “Vogliamo fondare una nuova era per i video su internet. Youku e Tudou possiedono la piu’ grande comunita’ di utenti e la piu’ avanzata tecnologia per la diffusione sul web cinese” ha dichiarato Gu Yongqiang, fondatore e CEO di Youku. Nasce cosi’ un grande polo tutto cinese per la condivisione di file su internet. Tuttavia, secondo diversi dati, il traffico combinato dei due colossi si aggira intorno alla meta’ di quello del piu’ popolare YouTube, diffuso ovunque ma completamente censurato in Cina. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)