EDITORIA: PELUFFO, CONTRIBUTI PER ADEGUAMENTO A MERCATO

(AGI) – Genova, 10 mar. – I 120 milioni di euro di contributi pubblici destinati all’editoria nel 2012 verranno assegnati sulla base di “parametri industriali corretti che spingano le imprese verso comportamenti industriali adeguati all’evoluzione del mercato e quindi anche in direzione di un maggior impegno verso l’editoria online”. Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Paolo Peluffo, a Genova per partecipare ad una cerimonia commemorativa di Giuseppe Mazzini, nel centoquarantesimo anniversario della morte. “E’ indispensabile – ha spiegato il sottosegretario – fare due azioni: una, immediata e per i prossimi due anni, di ridefinizione dei contributi sulla base di parametri industriali corretti che spingano le imprese verso comportamenti industriali adeguati all’evoluzione del mercato e quindi anche in direzione di un maggior impegno verso l’editoria online; comportamenti che rendano le imprese piu’ sane. In secondo luogo – ha aggiunto – e’ indispensabile nello stesso momento pensare ad un sistema completamente rinnovato che guardi al futuro”. Peluffo ha poi assicurato che “per quanto riguarda il governo, penso che nel giro di qualche settimana saremo pronti a portare all’attenzione del Consiglio dei ministri delle soluzioni che, pero’, poi passeranno al vaglio del Parlamento”. Il sottosegretario ha poi ricordato che “per il 2012 si puo’ contare su risorse pari a 120 milioni di euro rispetto ai 150 milioni del 2011 e ai 180 milioni di due anni fa”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)