Scienza/ Ebook, con Kindle nasce nuova generazione di autori

Già  venduti due milioni di inediti in formato elettronico
Roma, 13 mar. (TMNews) – Uno dei servizi legati a Kindle, il lettore di ebook di Amazon, si chiama Singles ed è dedicato alla diffusione di opere brevi (più lunghe di una racconto, ma meno di un romanzo) da parte di autori nuovi. Nei 14 mesi di attività , il servizio ha venduto ben due milioni di “copie”, generando per Amazon un guadagno di 1,2 milioni di dollari. Il meccanismo è semplice. L’autore propone un testo che, se giudicato adatto alla pubblicazione, viene posto in vendita a un prezzo fissato dall’autore, con un minimo di un dollaro (per l’esattezza, 99 centesimi). Del ricavato, il 70 per cento va all’autore e il 30 ad Amazon. Attualmente ci sono 165 “Singles” sullo store di Amazon, con il numero che cresce di circa 3 nuovi testi a settimana. In media, vengono proposti 50 testi a settimana, di cui solo il sei per cento viene accettato. Secondo David Blum, docente presso la Columbia University, quello dei mini-ebook sembra essere un mercato con caratteristiche particolari, che rappresenta un’occasione per promuovere scrittori sconosciuti: “Ci sono molti ostacoli per gli autori esordienti nel mondo dell’editoria tradizionale”, dice, ma Kingle Single riesce a superarli, rappresentando “una via di mezzo tra la rivista e il libro”. Non solo esordienti, tuttavia, si sono affidati al nuovo tipo di editoria: nel catalogo dei Singles, sono presenti anche testi di autori noti, come per esempio Stephen King, David Baldacci, Dean Koontz, Karin Slaughter. Ma la stragrande maggioranza è composta da autori nuovi le cui vendite non sono per nulla inferiori a quelle dei titolari di bestseller cartacei.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)