INTERNET: PE, NO A RINVIO ACTA A CORTE DI GIUSTIZIA UE

SOCIALDEMOCRATICI, PRIMO PASSO VERSO BOCCIATURA TRATTATO
(ANSA) – BRUXELLES, 27 MAR – No al rinvio dell’accordo commerciale anti-contraffazione, Acta, alla Corte di Giustizia. E’ quanto ha deciso ad ampia maggioranza (21 contrari al rinvio, 5 favorevoli, 2 astenuti) la commissione commercio internazionale dell’Europarlamento. Il rinvio alla Corte era stato proposto dal relatore, il laburista britannico David Martin. “Qualcuno – ha spiegato – ha pensato che la mia proposta di rinviare l’Acta alla Corte di Giustizia fosse un trucco politico per ritardare la decisione, ma al contrario era un modo per aiutare gli eurodeputati a prendere una posizione in merito”. “E’ chiaro che il Parlamento è pronto a decidere sull’Acta – – afferma in una nota lo S&D, il gruppo parlamentare di Martin -. La decisione di respingere il ricorso alla Corte è il primo segnale che il Parlamento respingerà  l’accordo. E’ stato un errore fin dall’inizio mettere nello stesso trattato le merci contraffatte ed i contenuti internet”. Dopo il voto, Martin ha detto che rispetterà  il calendario concordato in precedenza per dire sì o no all’Acta, infatti senza intervento della Corte di Giustizia l’iter rimane invariato. Il voto definitivo della commissione commercio internazionale é previsto tra il 29 e il 30 maggio, mentre quello del Parlamento europeo riunito in plenaria ci sarà  a giugno. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti