INTERNET: CALABRO’, SU COPYRIGHT VICINI A DECISIONE FINALE

NESSUNA CENSURA PREVENTIVA, MA CONTRASTO A PIRATERIA
(ANSA) – ROMA, 28 MAR – “Dopo due consultazioni pubbliche e un’indagine conoscitiva, se la settimana scorsa avessi portato un testo di Regolamento sarebbe stato quello già  approvato dal Consiglio. Sarei venuto a raccontare della decisione presa. Se non l’ho fatto è stato per rispetto verso il Parlamento che mi ha convocato. E’ stato proprio un atto di riguardo verso il Parlamento. Non ci saranno altri schemi, stiamo maturando la decisione finale”. E’ questo uno dei passaggi del seguito dell’audizione del presidente dell’Agcom Corrado Calabrò al Senato, sul diritto d’autore su Internet. “La novità  cui ho auspicabilmente collegato l’adozione del regolamento è, come ho detto la volta scorsa, che ‘veda la luce’ una norma di legge predisposta dalla Presidenza del Consiglio – ha spiegato Calabrò -. Una norma di interpretazione autentica che renda leggibile per tutti, e non solo per i giuristi, il combinato disposto delle norme sulle quali si fonda la nostra legittimazione ad intervenire”. Il presidente Agcom ha poi sottolineato che l’art. 21 della Costituzione “si applica anche alla rete”, che l’Autorità  non ha mai ipotizzato “alcuna forma di censura preventiva” e che “il web amatoriale non è toccato”. “Il nostro obiettivo d’azione – ha detto Calabrò – è contrastare la pirateria massiva ed industriale che depaupera l’industria creativa”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)