Provincia Roma/ Zingaretti inaugura wi-fi alla Grande Moschea

Sale a 890 numero di postazioni installate dall`amministrazione

Roma, 11 mag. (TMNews) – Il presidente della provincia di Roma Nicola Zingaretti ha inaugurato questo pomeriggio presso la grande Moschea di Roma l`ultimo hot spot installato nell`ambito della rete `Provincia wi-fi`. Le due nuove postazioni portano a 890 il numero di hot spot installati dall`amministrazione Zingaretti dal suo insediamento: 600 in città  e 290 in 104 comuni dell’hinterland. Ancor più straordinario il numero di iscritti, ben 193.698.

A sottolineare l`importanza dell`iniziativa è stato lo steso presidente Zingaretti che, questo pomeriggio, ha visitato la Moschea in compagnia dell’ambasciatore dell’Arabia Saudita, Saleh Moh’d Gh. Al-Ghamdi : “Piano piano la rete sta entrando nella città , nelle scuole, nei parchi e di certo non poteva mancare la grande Moschea”. Un luogo divenuto ormai: “Un simbolo straordinario per la città  ed un magnifico esempio della capacità  d`integrazione e dialogo: la Moschea è un luogo di tutti i romani, di tutta la città “. Un concetto condiviso e sottoscritto anche dall`ambasciatore dell`Arabia Saudita: “Grazie per l`importante contributo: ci sentiamo parte piena della società  italiana e vogliamo che questo nostro centro sia il luogo del dialogo e del confronto con i fratelli italiani”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti