Buzz online e processi di acquisto

Otto milioni di italiani modificano le loro scelte d’acquisto in base alle informazioni recuperate sui social media; 15 milioni si fidano pienamente dei giudizi sui prodotti e i servizi letti nei blog e nei forum; il 15% dei consumatori che utilizza Internet dichiara di ricorrere alla Rete per la ricerca di informazioni anche quando si trova all’interno del punto vendita, usando tablet e smartphone. Sono alcuni dei risultati più clamorosi di una ricerca condotta dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Mimesi, società  di media monitoring del Gruppo Reed Business Information.
La ricerca è stata presentata il 6 giugno 2012 a Milano da Giuliano Noci, ordinario di marketing al Politecnico di Milano, Marco Levi, amministratore delegato di Reed Business Information, Marina Bonomi, direttore generale di Mimesi, e Lucio Lamberti, ricercatore del Polltecnico di Milano.
I risultati dell’indagine dimostrano che le informazioni sulla Rete, in particolare su blog, forum e social network, costituiscono una leva gestionale fondamentale per le imprese di qualunque settore.

– La ricerca ‘Buzz online e processi di acquisto’ (.pdf)

– Sintesi dei risultati (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Nel 2023 la svolta per i giornali, con adv digital che superera quella su carta. PwC: con Covid ricavi in calo drastico per i media; ripresa in 5 anni

Nel 2023 la svolta per i giornali, con adv digital che superera quella su carta. PwC: con Covid ricavi in calo drastico per i media; ripresa in 5 anni

Pubblicità, raccolta online supera tv. Agcom: il 68% dei ricavi va all’1% dei player; publisher perdono peso rispetto a piattaforme

Pubblicità, raccolta online supera tv. Agcom: il 68% dei ricavi va all’1% dei player; publisher perdono peso rispetto a piattaforme