ANSA/ WEB E TV BATTONO LAVORO, CI PASSIAMO 55 ORE A SETTIMANA

RAPPORTO EURONICS,SMARTPHONE PIU’VENDUTI IN UE,IN TASCA A 1 SU 2

(ANSA) – ROMA, 14 GIU – Quasi otto ore al giorno, sette giorni su sette davanti al monitor della Tv o del pc, a navigare su Internet. Si passa più tempo davanti ai televisori di ultima generazione che in ufficio o in fabbrica: 55,6 ore a settimana contro la media europea di 37,8 ore di lavoro. E’ il quadro che emerge da una ricerca Euronics-Concentra su 9.500 persone in Italia, Francia, Spagna, Inghilterra, Germania, Olanda, Belgio, Svezia, Polonia, Repubblica Ceca e Turchia. La tecnologia sta cambiando la vita degli europei: più di quattro su dieci (44%) hanno uno smartphone e circa uno su sei (14%) ha un tablet. E la diffusione di questi prodotti continua a espandersi, infatti, entrambi sono in cima alla lista dei desideri dei consumatori (con rispettivamente il 28% e il 18% delle preferenze) insieme ai televisori Lcd o Led (20%). La funzione principale di questi dispositivi risulta secondaria rispetto alle altre possibilità  che offrono: per esempio, nel caso degli smartphone, solo il 16,1% del loro uso é per telefonare, mentre per il 55% vengono impiegati come strumenti di scrittura, tra email (18%), sms (22,4%), messaggi istantanei (15,7%) e altro. Scaricano app, inoltre, il 70% dei consumatori: ce ne sono in media 22 su ogni dispositivo, in gran parte gratuite (75%), e anche quando vengono acquistate il loro costo è inferiore a 7 euro. La crisi incide sui criteri di scelta dei prodotti elettronici, che vedono al primo posto il prezzo (85%), seguito dal marchio (50%), dalla sostenibilità  ambientale (47%) e dal design (37%). Prima di decidersi, gli europei ci pensano e ci ripensano, girano per più di tre negozi e confrontano i diversi prezzi quasi cinque volte, ma alla fine tendono a cedere allo shopping tecnologico, che è una delle ultime voci sulle quali sono disposti a fare rinunce. Solo il 7,7% degli intervistati cerca di risparmiare sugli acquisti elettronici contro il 12,9% che dà  un taglio ai pasti al ristorante, l’11,7% che rivede il budget destinato ai mobili, l’11,6% che diminuisce la spesa per le vacanze, il 10,7% che riduce gli eventi culturali e il 7,8% che tiene sotto controllo le spese per l’automobile. E’ così che nei primi mesi del 2012 le vendite dei prodotti per le telecomunicazioni hanno continuato a crescere del 7,5% rispetto al primo trimestre 2011, secondo le rilevazioni Gfk-Temax nell’Europa occidentale. Le difficoltà  del periodo hanno pesato di più su altre categorie di beni tecnologici, come i grandi elettrodomestici (-1,3%) o i televisori (-17%).(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)