Usa/ Giudice ordina a Twitter di trasmettere dati manifestante

I tweets sono “opinioni espresse pubblicamente”, quindi di tutti

New York, 3 lug. (TMNews) – Un giudice di New York ha ordinato al sito Twitter di trasmettere i dati di uno dei suoi utenti coinvolti nel movimento Occupy Wall Street, un caso che potrebbe fare giurisprudenza sulla libertà  di espressione online. Il giudice del Tribunale penale di Manhattan, Matthew Sciarrino, ha deciso che la legge consente di avere accesso ai ‘tweets’ e agli altri dati di Malcolm Harris, citato in giudizio per una manifestazione che si è tenuta lo scorso anno sul ponte di Brooklyn.

Da parte sua, Twitter ha precisato di aver visto moltiplicarsi questo tipo di richieste nell’anno in corso: “Abbiamo ricevuto più richieste dai governi nella prima metà  del 2012 (…) che su tutto l’anno 2011”, ha dichiarato in una nota il responsabile legale del gruppo, Jeremy Kessel. La maggior parte delle 849 domande, pari a 679, è partita dagli Stati Uniti e nel 75% dei casi tutte o parte delle informazioni sono state fornite, secondo un rapporto della società . Il secondo Paese per numero di richieste è il Giappone (98), seguito da Regno unito e Canada (11).

A New York, il giudice ha ritenuto che i messaggi non costituissero informazioni private: “Se posti un tweet, è come gridare alla finestra, l’obiettivo non è di tenerlo riservato”, ha scritto. “La costituzione riconosce il diritto di inviare tweet, ma come molte persone hanno imparato a loro spese, ci sono però le conseguenze di queste opinioni espresse pubblicamente.
Quello che viene espresso in pubblico appartiene a tutti”. (fonte Afp)

Sim

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)