TV: PRIX ITALIA NEL SEGNO DELL’ARTE E DELLA LEGALITA’

Condividi

DAL 16 A 21 SETTEMBRE A TORINO,APRE MINISTRO INTERNO CANCELLIERI

(ANSA) – ROMA, 3 LUG – Da Pina di Wim Wenders a Octopus di Philippe Decouflé, dalla Commedia di Emio Greco a Cenerentola, una favola in diretta di Andrea Andermann che rivive nelle regge sabaude. Quarantotto paesi in concorso, e una settimana di proiezioni, grandi mostre, musica, teatro, danza, fiction, cinema: “Il mondo allo specchio” è il titolo del 64mo Prix Italia che si svolgerà  per il quarto anno consecutivo a Torino dal 16 al 21 settembre 2012 e che ha quest’anno l’arte come filo conduttore. Domenica prima del concerto in Eurovisione dell’Orchestra sinfonica della Rai, il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri parlerà  de ‘La cultura della legalita’. Avrà  accanto quaranta giovani del Progetto Sicurezza che vivono in situazioni problematiche e che testimoniano con la loro presenza la forza dell’impegno contro tutte le mafie. “Poiché – ha sottolineato oggi Giovanna Milella presentando a Viale Mazzini il Prix Italia di cui è segretario generale: la legalità  e il rispetto della dignità  sono il fondamento di ogni cultura”. In programma le produzioni che affrontano il tema della legalità , dal progetto teatrale di Roberto Saviano “Gomorra” ai cartoon di Rai Fiction dedicati a Don Puglisi e Falcone e Borsellno. Il sindaco di Torino Piero Fassino alla presentazione della manifestazione ha fatto notare come “la città  ha investito molto nella dimensione culturale e questa rassegna è una delle iniziative che ha caratterizzato il nuovo profilo culturale della citta”. Oltre a Cancellieri aderiranno al Prix altri esponenti del governo Monti: “Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ‘dialoghera” – ha annunciato Milella – con il presidente delle Radio Televisioni europee Jean Paul Philippot. Il ministro della Cultura Lorenzo Ornaghi è invitato con il nuovo ministro francese Aurelie Filippetti. Il ministro della Cooperazione internazionale Andrea Riccardi sarà  presente all’anteprima della Grande Storia”. Un grande artista come Michelangelo Pistoletto ha creato l’opera d’arte che quest’anno verrà  consegnata ai vincitori del premio, e il 17 terrà  una lectio magistralis nel Castello di Rivoli. Nell’edizione di quest’anno i programmi dei tre concorsi ufficiali (tv, radio e web), verranno giudicati da 7 giurie. L’amministratore delegato di Rai World e vice presidente della European Broadcasting Union (Ebu) Claudio Cappon presiederà  un incontro sulle sfide dei servizi pubblici radiotelevisivi d’Europa, di fronte all’attuale cambiamento tecnologico e alla crisi delle risorse pubbliche: “In un momento di tagli ai finanziamenti – ha fatto noatre Cappon – questa manifestazione riveste sempre più un ruolo chiave per la promozione delle produzioni Rai”. Tra gli appuntamenti da non perdere la mostra dell’artista americano Robert Wilson “Videoportraits a Palazzo Madama”, che resterà  aperta fino al 6 gennaio 2013. La personale fa perno sui celebri video ritratti in cui personaggi famosi quali Brad Pitt e Isabella Rossellini, Carolina di Monaco e Jeanne Moreau, si alternano a personaggi sconosciuti, una pantera nera, un porcospino e una famiglia di gufi bianchi. Del resto l’arte è il tema centrale del festival: in anteprima il film di Daniele Segre ‘E’ viva la torre di Pisà  sulla piazza dei Miracoli, nella Cina di Matteo Ricci, il gesuita che nel Cinquecento aprì le porte dell’Oriente, raccontato da Duilio Giammaria per Rai World e la Televisione cinese. In programma anche l’anteprima della fiction Rai “Il grande Caruso” e la lectio magistralis del regista Krzysztof Zanussi su “identità  culturale europea al tempo di Internet.(ANSA).