RAI: VIGILANZA, DOPO RINNOVO CDA PARERE SU PRESIDENTE

Condividi

(ANSA) – ROMA, 4 LUG – L’elezione dei sette membri del consiglio di amministrazione Rai in Commissione di Vigilanza è – secondo quanto previsto dalla legge Gasparri -, il primo step per il rinnovo dell’organismo di vertice della tv pubblica. Gli altri due membri, tra i quali il presidente, sono indicati dall’azionista ministero dell’Economia. Nel pomeriggio è in programma l’assemblea degli azionisti, per procedere alla designazione formale di tutti i nove membri del consiglio (compreso il consigliere indicato dal Tesoro Marco Pinto). Sarà  poi lo stesso cda a nominare il presidente. La nomina, per diventare efficace, dovrà  essere quindi sottoposta al parere vincolante dei due terzi della Commissione di Vigilanza, presumibilmente la prossima settimana. Il nome è quello di Anna Maria Tarantola, indicata dal premier e ministro del Tesoro, Mario Monti. Ultimo passaggio è la nomina del direttore generale: il nome é stato già  indicato da Monti ed è quello di Luigi Gubitosi. Da un punto di vista formale, il consiglio di amministrazione formula il proprio intendimento di nomina, con indicazione singola o plurima, e dà  mandato al presidente di promuovere l’intesa con l’azionista e di convocare l’assemblea dei soci. Il presidente, deliberata l’intesa, convoca il cda affinché provveda alla nomina del dg. (ANSA).