Media: al via a Mosca secondo summit mondiale sulle nuove sfide

(AGI) – Mosca, 5 lug. – I leader dei media mondiali sono riuniti per due giorni a Mosca, dove questa mattina al World Trade Center e’ stato ufficialmente aperto il secondo World Media Summit, alla presenza del presidente della Duma, Serghei Naryshkin. Organizzato dall’agenzia russa Itar-Tass, sotto il tema “Media globali: affrontare le sfide del XXI secolo”, l’appuntamento vede presenti nella capitale 300 tra direttori e presidenti di 213 delle maggiori realta’ del mondo dell’informazione internazionale, provenienti da 103 differenti Paesi. Tra gli invitati, oltre ai vertici di testate come Associated Press, Reuters, Mena, Xinhua, New York Times, BBC e Al Jazira, anche nove organizzazioni internazionali, comprese Unesco e Parlamento europeo. A rappresentare l’Italia, l’agenzia AGI, con una delegazione guidata dal presidente Daniela Viglione e il direttore generale Alessandro Pica. Nel suo messaggio di benvenuto ai partecipanti – letto dal co-presidente del comitato organizzativo del Summit, il direttore generale di Itar-Tass Vitaly Ignatenko – il capo di Stato Vladimir Putin ha lodato l’importanza dell’evento come momento “per discutere questioni cruciali” che riguardano il settore e ha ricordato la necessita’ che la stampa giochi il suo ruolo nella societa’ “con alta responsabilita’ professionale sia dal punto di vista morale che civile”. (AGI) Ruy/Sar (Segue)
Tra i temi in agenda nella due giorni di Mosca, appaiono proprio tematiche legate alla normativa etica nei mass media, al miglioramento delle garanzie di imparzialita’ e indipendenza del giornalismo e al rapporto dei giornalisti con editori, potere politico e business. Si parlera’ anche di sopravvivenza dei media nel contesto della crisi globale e della loro trasformazione alla luce del crescente ruolo svolto dalla rete e dai social network come veicoli e fonti di notizie. “I problemi del mondo dell’informazione, oggi, sono molti – ha spiegato ad AGI Alexey Golyaev, direttore di Itar-Tass – in un mondo in cui internet e le nuove tecnologie si sviluppano in modo tempestoso, per noi giornalisti tradizionali e’ necessario condividere esperienze e nuove idee e col Summit vogliamo facilitare proprio questo scambio”. Lanciato nel 2009, il primo World Media Summit si e’ svolto a Pechino, organizzato dall’agenzia cinese Xinhua. Oggi, come tre anni fa, continua a raccogliere l’apprezzamento anche di organismi quali le Nazioni Unite e l’Unesco. Nel suo messaggio in occasione dell’evento, il segretario generale Onu, Ban Ki-moon, ha ricordato le minacce che ancora mettono a rischio la liberta’ di stampa, diritto la cui tutela rimane di “importanza estrema per una vera democrazia e uno sviluppo sostenibile”.(AGI) Ruy/Sar

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari