Cultura/ Premio Strega: vince Piperno con “Inseparabili”

Condividi

Ottiene 126 voti contro i 124 per Trevi e 119 a Carofiglio

Roma, 6 lug. (TMNews) – Alessandro Piperno è il vincitore della sessantaseiesima edizione del Premio Strega con “Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi” (Mondadori). Lo scrittore romano ha ottenuto 126 voti degli Amici della domenica e dei sessanta “lettori forti” scelti dalle librerie che si sono ritrovati come ogni anni al Ninfeo di Villa Giulia a Roma. La vittoria di Piperno è stata decretata dopo un testa a testa con Emanuele Trevi, che con “Qualcosa di scritto” (Ponte delle Grazie) ha ottenuto 124 voti. Terzo classificato Gianrico Carofiglio con 119 per “Il silenzio dell’onda”, quarto Marcello Fois con “Nel tempo di mezzo” (Einaudi), 48 voti, e quinta Lorenza Ghinelli con “La colpa” (Newton Compton) con 16.

“Sono frastornato e emozionatissimo e ringrazio soprattutto la mia casa editrice Mondadori” ha commentato Piperno subito dopo la vittoria, definendo la votazione finale “una battaglia dura e leale: sapevo che sarebbe stata una vittoria all’ultimo voto e ad un certo punto pensavo di aver perso. – ha detto – Questo momento è più entusiasmante di quanto immaginassi”. Lo scrittore e docente di Letteratura francese ha poi scherzato: “E’ una gioia paragonabile a quella di uno scudetto. Posso dire che questo è lo scudetto della mia carriera”.

In “Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi” Piperno conclude la saga della famiglia Pontecorvo iniziata con “Persecuzione”, dove raccontava la storia e la fine di un celebre chirurgo romano coinvolto assurdamente in uno scandalo di pedofilia. In questo libro lo scrittore segue i due figli, Samuel e Filippo, ormai adulti, con le loro vite contorte e destini imprevedibili, ma lo scrittore ha assicurato che la saga finisce qui: “Ora ho intenzione di scrivere un libro molto breve con un unico personaggio, ma sono ancora nella fase embrionale del racconto” ha spiegato. Alla serata di Villa Giulia, come sempre affollatissima, erano presenti fra gli altri Ettore Scola, Dacia Maraini, l’ex ministro Tremonti, Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni, Alberto Bevilac qua, Corrado Augias, Paolo Mieli.

Fla