Tv: Stella, a La7 Santoro ha carta bianca ma paga danni

(ASCA) – Milano, 5 lug – Michele Santoro avrà  carta bianca sui contenuti editoriali di ‘Servizio pubblico’, ma sarà  lui a pagare i danni per eventuali querele presentate nei confronti del programma che andrà  in onda il prossimo anno su La7. Lo ha precisato Giovanni Stella, ex amministratore delegato e attuale consigliere di Ti Media, precisando che lo stipendio di Santoro e’ legato ai risultati: ”Lo pago – ha sottolineato – in funzione degli ascolti che raggiungo, ho stabilito una scaletta che mi consente di rendere il programma redditizio”. A sbloccare la trattativa tra editore ed autore, ha detto Stella, e’ stata soprattutto ”l’esperienza fatta da Santoro nel 2011 su Sky e su altri network soprattutto in termini di autonomia autoriale”. In particolare, ha rivelato il manager, ”l’anno scorso lui desiderava avere piena liberta’ autoriale senza darci sufficienti garanzie per eventuali danni che questa liberta’ avrebbe potuto provocare. Quest’anno, invece, mi ha dato questa garanzia”. Il che, ha precisato Stella, significa che in caso di azioni giudiziarie civili avanzate nei confronti del programma con pretese risarcitoria, ”paga lui”. Nessuna indicazione, invece, sull’entita’ del budget sostenuto da Ti Media per ‘conquistare’ il noto conduttore: ”E’ un investimento assolutamente normale e in linea alla media di mercato”, si e’ limitato a dire Stella che ha subito sottolineato: ”Sono convinto che questo programma sara’ per noi molto redditizio, cosi’ com’e’ stato molto redditizio mandare in tv Fazio e Saviano”.
fcz/sam/

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi