Diaz/ Di Bella: Raitre ha chiesto diritti film Vicari

Oltre 5 mila firme in poche ore sull’appello di ‘Articolo 21’

Roma, 6 lug. (TMNews) – Antonio Di Bella, direttore di Raitre, ha reso noto di aver chiesto alla Rai l’acquisto dei diritti per poter trasmettere il film ‘Diaz’ di Daniele Vicari. Lo ha reso lui stesso, aderendo fra i primi all’appello in tal senso dell’Associazione ‘Articolo 21’ che in poche ore ha superato le 5 mila sottoscrizioni e che segue ad analoga iniziativa sul sito del Tg3.

“Abbiamo trasmesso questa mattina vari estratti di ‘Diaz’ – ha affermato Di Bella – e già  da alcune settimane abbiamo chiesto a RaiCinema di poter acquisire i diritti del film. Già  altre volte abbiamo stravolto il palinsesto per affrontare temi di stringente attualità , come abbiamo fatto di recente mandando in onda proprio il documentario ‘Black Block’ di Carlo Augusto Bachschmidt che ricostruisce i fatti del G8 di Genova”.

“Trasmettere un’opera di impegno civile come Diaz, basata interamente sugli atti processuali – hanno affermato Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti, direttore e portavoce di Articolo21 può servire come antidoto contro la perdita della memoria, per non dimenticare questa vera e propria sospensione della legalità  costituzionale e democratica. Vedere questo film anche per impedire che una simile vergogna possa ripetersi”.

Pol/Tor

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi