LA7: TG DELLE 20 AL 6,74%, ‘CASH TAXI’ AL 3,45%

(AGI) – Roma, 9 lug. – Ieri, domenica 8 luglio, il TgLa7 delle 20:00 – diretto da Enrico Mentana – ha realizzato il 6,74% di share medio con oltre 972mila telespettatori (972.426) e oltre 1,6 milioni di contatti (1.664.730); il notiziario ha toccato un picco di oltre 1 milione di telespettatori (1.060.987) e del 7,25% di share (alle 20:09). In access prime time Cash Taxi, con Marco Berry, ha raggiunto uno share medio del 3,45% con quasi 545mila telespettatori (545.825) e quasi 1,9 milioni di contatti (1.892.545); il programma ha toccato un picco di oltre 760mila telespettatori (760.082) e del 5,08% di share (alle 20:29). (AGI) Red/Pot (Segue)
In mattinata Omnibus ha realizzato uno share medio del 6,66% con oltre 1,6 milioni di contatti (1.608.276) e un picco di massimo ascolto del 9,42% (alle 7:22). Il TgLa7 delle 7:30 ha fatto registrare l’8,33 % di share medio con un picco del 9,15% (alle 07:42). L’edizione delle 13:30 del TgLa7 ha ottenuto il 4,43% di share medio, con oltre 734mila telespettatori (734.411) e quasi 1,4 milioni di contatti (1.367.875), con un picco di massimo ascolto di quasi 972mila telespettatori (972.309), pari al 5,86% di share (alle 13:50). Nella giornata di ieri il Network La7 (La7 e La7d) ha ottenuto il 3,55% di share medio nel totale giornata, il 3,31% di share medio in prime time e il 3,11% di share in seconda serata. (AGI) Red/Pot

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi