PIRATERIA: RECORD DI SEQUESTRI NEL 2012

A ISCHIA GLOBAL PRESENTATI DATI

(ANSA) – ISCHIA, 9 lug – Quasi due milioni di DVD sequestrati, 60.700 computer e hard disk, ottocentomila file audio e video nello scorso anno: è il bilancio fatto dal Colonello Cesare Forte della Guardia di Finanza durante Global Music Summer Summit, dedicato al tema della pirateria e diritto d’autore nella discografia mondiale. “I primi sei mesi del 2012 – ha spiegato Forte – hanno fatto registrare un significativo incremento dei sequestri nel settore dell’ audiovideo, sia come film che come musica, sia come videogiochi, in fortissimo aumento. Hanno già  raggiunto nello scorso giugno quasi settecentomila file sequestrati, che vengono utilizzati da più soggetti e che hanno quindi un effetto moltiplicatore dell’azione illegale. Facendo una statistica siamo praticamente al doppio dell’anno precedente”. In un momento di grave crisi economica e, conseguentemente, occupazionale, il danno che la pirateria può fare a questo segmento dell’industria è notevole. Dal convegno è infatti emersa la grande difficoltà  al controllo della dispersione dei prodotti artistici audiovisivi. Contrastare la pirateria in un’epoca in cui c’é una diffusione capillare con la rete e continui “rimbalzi” tra Stati, con normative diverse, è diventato ancora più difficile. “Bisognerebbe allineare la normativa che contrasta la pirateria con quella che tutela i marchi e il made in Italy, – ha suggerito il Colonnello Forte – per avere strumenti e pene più incisive, e soprattutto per poter agire in campo internazionale come per l’industria del “falsò'”Organizzato dalla National Recording Academy e la Siae, moderato da Tony Renis ha visto la partecipazione del presidente della Recording Academy Neil Portnow, del produttore Mike Stoller e degli artisti Zucchero, Gino Paoli.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)