SANREMO: IACCHETTI, FAZIO CORRETTO, SPERO NO RACCOMANDAZIONI

(ANSA) – ROMA, 10 LUG – Quest’anno “il festival di Sanremo sarà  un po’ diverso. Fazio è una persona corretta, spero non si faccia coinvolgere nel gioco di raccomandazioni e che fra i giovani si dia spazio anche alla discografia indipendente”. Lo dice Enzo Iacchetti, a margine della presentazione, stamattina a Roma, dei musical per la prossima stagione diretti e prodotti da Massimo Romeo Piparo. Iacchetti, che a teatro sarà  protagonista da dicembre a Milano con Marco Columbro de Il vizietto, aveva attaccato duramente nei mesi scorsi il meccanismo di SanremoSocial per la scelta dei Giovani di Sanremo 2012, giudicandolo non equo. “Quelle critiche mi sono costate professionalmente, ora ho la fama di uno bravo ma che rompe. Però le rifarei mille volte, anche perché a parte Mazzi e Morandi tutti mi danno ragione, pure i giornalisti, anche se non hanno il coraggio di farlo in pubblico”. L’attore e conduttore di Striscia la notizia, ha comunque fiducia nella ‘nuova gestione’ del festival e con l’etichetta indipendente di cui è proprietario “presenterò alle selezioni due pezzi. Non ci sarà  però mio figlio (Martino Iacchetti, che era fra i concorrenti, esclusi, dell’ultimo Sanremo social, ndr) per evitare si ridica che avevo fatto tutto solo per lui. Non era e non è così”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi