Novità  alla Fieg

Con l’assemblea che si tiene oggi cambiano i vice presidenti della Fieg Carlo Perrone, editore del Secolo XIX, che dopo due mandati lascia la responsabilità  della commissione per i quotidiani locali a Azzurra Caltagirone, consigliere della Caltagirone Editore, mentre per il settore periodici Nini Briglia, consigliere del Cda e direttore editoriale del gruppo Mondadori, subentra a Stefano De Alessandri (direttore generale periodici Italia Mondadori, e prima ad di Hachette Rusconi). Perrone si occuperà  dei rapporti internazionali della Federazione.
Per quanto riguarda i responsabili di commissione Francesco Dini, consigliere del cda del Gruppo Editoriale L’Espresso e direttore Affari Generali di Gruppo di Cir, si occuperà  della Pubblicità , mentre Giulio Lattanzi, direttore generale della divisione Quotidiani Rcs, ha in carico la Distribuzione. Di ‘formazione’ si occuperà  Paolo Nusiner, direttore generale dell’Avvenire, new entry anche per rappresentare il mondo della stampa cattolica.
Nel comitato di presidenza composto dai cosiddetti saggi cioè i super vip del panorama editoriale (tra cui ci sono Carlo De Benedetti, presidente del Gruppo Editoriale l’Espresso, Francesco Gaetano Caltagirone, presidente della Caltagirone Editore, Maurizio Costa, vice presidente e ad di Mondadori, Mario Ciancio e Andrea Riffeser Monti) da segnalare l’entrata di Giampaolo Grandi, presidente e ad di Condé Nast.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Riccardo Pugnalin lascia Sky Italia. In arrivo la riorganizzazione dell’area Communication and Public Affairs

Riccardo Pugnalin lascia Sky Italia. In arrivo la riorganizzazione dell’area Communication and Public Affairs

Si lavora alla fusione Audiweb-Audipress per una rilevazione della total audience che unisca online e carta. Sponsor Upa

Si lavora alla fusione Audiweb-Audipress per una rilevazione della total audience che unisca online e carta. Sponsor Upa

Roberto Sergio (Rai Radio) avverte Ter: “senza adeguamenti, via a una rilevazione degli ascolti autonoma con meter”

Roberto Sergio (Rai Radio) avverte Ter: “senza adeguamenti, via a una rilevazione degli ascolti autonoma con meter”