Wind: Ibarra, target 2013 primato nel mobile consumer (CorSera)

ROMA (MF-DJ)–“Il nostro obiettivo è portare Wind ad essere il numero uno nel settore mobile consumer in Italia”. Lo afferma l’amministratore delegato di Wind, Maximo Ibarra, spiegando che “dal 2009 la nostra missione numero uno e’ quella di raggiungere i competitor” nel settore mobile consumer e “siamo gia’ a meta’ strada. Pensiamo di potercela fare per la fine del 2013”.

Sul nodo della Ngn, Ibarra spiega che “in Italia c’e’ spazio per un unico aggregatore di infrastrutture”, ma “dovra’ offrire un servizio Ftth”, che porta la fibra fino all’appartamento, perche’ “se dovessimo usare ancora una parte della rete in rame, cadremmo ancora in un non equo accesso alla rete”. Se invece dovesse prevalere la tecnologia Fttc, che porta la fibra fino agli armadi, “sarebbe un grosso problema non solo per il costo, ma anche per la qualita’ del servizio”. In merito alla possibilita’ di entrare in Metroweb, invece l’a.d. di Wind ricorda che “con Metroweb abbiamo un accordo preliminare. Ora siamo nella fase di definizione dei dettagli, ma per la firma vera bisognera’ aspettare ancora un po’”.

Infine, sul fronte della banda larga mobile, Ibarra solleva il problema della liberazione delle frequenze 4G, per cui Wind ha speso 1,1 mld. “Il mercato e’ pronto -spiega il manager- e stiamo assistendo all’esplosione dell’Internet mobile. Ma il punto e’ che ho qualche dubbio che le frequenze piu’ importanti, quelle sugli 800 Mhz, siano disponibili in tempo per il gennaio 2013. Per non parlare delle interferenze con le tv satellitari”. Un problema ancor maggiore, perche’ se le frequenze non saranno liberate, “non saremo risarciti”. Sulla possibilita’ di trovare un accordo fra operatori sulla condivisione delle antenne, Ibarra e’ sicuro che “da qui a 5 anni le reti dovranno essere tutte condivise e la differenza la faranno i servizi”. red/ren

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci