CINEMA: ANNUNCIATO PROGRAMMA FESTIVAL DEL FILM LOCARNO 2012

MILANO (ITALPRESS) – Annunciato oggi, nel corso di una conferenza stampa, il programma ufficiale della 65ma edizione del Festival del film Locarno, che guarda a un futuro illuminato da una costellazione di nuovi autori scoperti ogni anno nelle diverse sezioni. Tra i personaggi piu’ attesi di quest’edizione Charlotte Rampling, Alain Delon, Ornella Muti, Valeria Bruni Tedeschi, Gianni Morandi, Valerio Mastandrea, Elio Germano, Benoà®t Jacquot, Sarah Morris, Leos Carax, Claire Denis, Harry Belafonte, Vincent Lindon, Eric Cantona e Rachida Brakni, Arnon Milchan, Johnnie To, Krzysztof Zanussi, Ray Winstone, Naomi Kawase, Bertrand Bonello, Ingrid Caven, Elsa Martinelli, Renato Pozzetto oltre a una nutrita delegazione africana che arrivera’ per accompagnare i progetti di Open Doors e alla retrospettiva dedicata a questo grande Continente. Tra i film del Concorso Internazionale, Padroni di casa di Edoardo Gabriellni. Inoltre, in Piazza Grande: The Sweeney di Nick Love (apertura 1 agosto); Ruby Sparks di Jonathan Dayton e Valerie Faris; Bachelorette di Leslie Headland; Quelques heures de printemps di Ste’phane Brize’ con Vincent Lindon ed Emmanuelle Seigner; Magic Mike di Steven Soderbergh. Quest’anno il Concorso internazionale proporra’ 19 lungometraggi, di cui 13 in prima mondiale. Il Concorso Cineasti del presente prevede 15 opere prime o seconde, quasi tutte presentate in prima mondiale. La sezione presta una particolare attenzione ai cineasti piu’ originali della scena indipendente internazionale e ai saggi documentari. La selezione comprende film provenienti da Canada, Stati Uniti, Francia, Russia, Svizzera, Cina, Brasile, Israele e Spagna. Il concorso dei Pardi di domani, dedicato ai cortometraggi, e’ impreziosito dalla sezione “Corti d’artista”, che presenta cortometraggi al confine tra cinema e arti plastiche, e “Corti d’autore” che propone una selezione di film d’autore e di registi che hanno gia’ realizzato lungometraggi. Parallelamente ai concorsi, una quindicina di film fuori concorso offrono una panoramica sulle opere provenienti da tutto il mondo: documentari, saggi cinematografici, mediometraggi o film di finzione in prima mondiale, internazionale o europea. Una nuova sezione intitolata “Histoire(s) du cine’ma” offira’ una selezione di documentari sul cinema, classici restaurati e una programmazione di film legata agli omaggi e agli invitati del Festival. Si tratta di una sezione creata per raccogliere vari omaggi e completare cosi’ la direzione intrapresa dal 2010 per rendere Locarno ancora maggiormente un Festival che, oltre a essere una vetrina per il cinema contemporaneo, e’ anche uno spazio per omaggiare le personalita’ che hanno fatto la storia del cinema. Infine la grande retrospettiva del Festival di questa edizione sara’ dedicata al regista Otto Preminger. Nell’ambito della retrospettiva, organizzata in collaborazione con la Cineteca svizzera e la Cineteca francese, sara’ pubblicata un’opera collettiva su Preminger in lingua inglese e francese edita da Capricci, in collaborazione con il Festival.
(ITALPRESS).
ads/com

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo