RAI: GUBITOSI, 20 ANNI IN FIAT E POI WIND

DOPO LE TLC COUNTRY MANAGER ITALIA DI BANK OF AMERICA

(ANSA) – ROMA, 17 LUG – Viene da Bank of America-Merryll Linch il nuovo direttore generale della Rai, ma ha trascorso una vita nel gruppo Fiat e qualche anno anche nel complicato mondo delle tlc come amministratore delegato di Wind. Luigi Gubitosi, poco più che cinquantenne, approda a viale Mazzini dopo una carriera tutta trascorsa in aziende private, dove si è occupato soprattutto di finanza. Uomo schivo, non amante dei riflettori, di poche parole ma di grande cultura, Gubitosi nasce il 22 maggio 1961 a Napoli, dove si laurea in Giurisprudenza, per poi compiere studi all’Insead di Fontainbleau e alla London School of Economics: comincia la carriera nelle aziende del Lingotto, ricoprendo vari incarichi tra il 1986 e il 2005, tra cui direttore finanziario e responsabile Tesoreria. E’ stato poi presidente del Cda di Fiat Partecipazioni e membro del Cda di Fiat Auto, Ferrari, Cnh, Iveco, Itedi, Comau e Magneti Marelli. Nel 2005 passa a Wind, dove ricopre inizialmente la carica di direttore finanziario a fianco dell’allora amministratore delegato Tommaso Pompei. Le dimissioni di Pompei, giunte al termine di un lungo braccio di ferro con il nuovo proprietario Naguib Sawiris, gli fanno fare un primo salto con l’interim. Il nuovo ad è Paolo Dal Pino, ma resta appena un anno e mezzo e così Gubitosi diventa il numero uno operativo della società  telefonica. Resta alla guida di Wind fino all’aprile dello scorso anno, quando comincia per la società  l’era Vimpelcom, e passa così alla divisione italiana della banca americana. Sposato, con un figlio, romanista, è artefice della sponsorizzazione della squadra capitolina da parte di Wind. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi