Yahoo/ Ad Marissa Mayer incinta al momento della nomina

Fonti azienda: Questo fattore non è stato nemmeno considerato

New York, 17 lug. (TMNews) – Marissa Mayer, nuovo amministratore delegato di Yahoo, è incinta, ma il board di Sunnyvale, California, non ha neanche discusso la questione. A renderlo noto è All Things Digital, blog tecnologico del Wall Street Journal, che cita fonti vicine al consiglio di amministrazione del colosso californiano. Mayer avrebbe informato i dirigenti di Yahoo della sua gravidanza nel corso del processo di selezione, ma il board non ha neanche voluto discutere la questione.

La giovane ad di Yahoo, 37 anni, stabilisce dunque un altro record. Sarà  infatti il primo amministratore delegato ad avere un bambino poco dopo la nomina. Marissa Mayer era stata già  la prima donna assunta da Google nel 1999, oltre a essere stata uno dei primi venti dipendenti della azienda di Mountain View, di cui divenne vicepresidente tre anni fa, a 34 anni.

La scelta di Yahoo di andare avanti con la nomina di Mayer mette in evidenza la grande fiducia nutrita nei suoi confronti dal board, che ha ritenuto che la gravidenza non influirà  in nessun modo con le sue capacità  e con la sua abilità  nel guidare l’azienda. Il consiglio di amministrazione ha infatti preso in considerazione solamente le credenziali di Mayer, senza lasciarsi intimorire dal fatto che fosse incinta.

“Questo fattore non è neanche stato considerato”, ha commentato la fonte di All Things Digital. “Come ogni altra donna in carriera, deve considerare ogni fattore per lavorare e avere una famiglia”. Con la nomina, Mayer è diventata una delle donne più importanti della Silicon Valley, assieme al direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg e all’amministratore delegato di Hewlett-Packard Meg Whitman.

A24-And

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)