- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

RAI: FNSI, STUPORE PER MANCATO REINTEGRO GIORNALISTA PRECARIA

(AGI) – Roma, 17 lug. – “Suscita stupore la risposta data dalla Rai in Parlamento a proposito del mancato reintegro di una giornalista precaria, Tiziana Boari, gia’ consigliere nazionale del Sindacato di categoria (Fnsi), per la quale la Suprema Corte ha cassato la sentenza di appello che le negava il diritto all’assunzione”. Lo dice la Fnsi, secondo cui “in casi di questo genere, prescindendo anche dall’attesa di un nuovo giudizio di appello e ricordando che in primo grado la collega aveva visto riconosciuto il diritto al posto di lavoro, almeno da un’azienda di servizio pubblico era lecito attendersi una doverosa iniziativa di ricomposizione della vertenza secondo principi naturali di equita’ e giustizia”. (AGI) Vic (Segue)
La vicenda va avanti “da ben otto anni, da quando la collega Boari decise di ricorrere in giudizio dopo diversi contratti a termine che evidenziavano la continuita’ di un rapporto di lavoro sostanzialmente continuativo. Piuttosto che rinchiudersi in una fredda procedura legale – dice la Fnsi -, pur comprendendo che la struttura Rai in questi mesi si e’ trovata esposta all’incertezza di governo dell’azienda, il caso Boari evidenzia l’esigenza di una discontinuita’ e di una svolta come su altri similari, evitando dispersione in cavilli e ulteriori spendite di denaro in contenzioso”. La Fnsi si dice “solidale con la collega e con tutti i giornalisti in attesa di recupero pieno al servizio perche’ accantonati per ragioni estranee a quelle professionali o emarginati” e si appella alla nuova dirigenza per “una ricognizione e una svolta a 180 gradi nel piu’ breve tempo possibile”. (AGI) Vic