TECNOLOGIA: IN ARRIVO IL 3D SENZA OCCHIALI

(AGI) – Washington, 18 lug. – Una nuova tecnologia d’immagine del Massachusetts Institute of Technology negli Stati Uniti consentira’ di guardare filmati a 3 dimensioni senza l’utilizzo di occhiali appositi. Il nuovo sistema funziona dividendo l’immagine in 3D in due “fette” bidimensionali trasmesse ad alta frequenza, visibili a seconda dell’orientamento nei confronti dello schermo. Il nostro cervello poi riassembla le immagini in movimento dando la sensazione di vedere un oggetto a 3 dimensioni. (AGI) Red/Eli (Segue)
“Il 3D senza occhiali esiste gia’, ad esempio in alcuni apparecchi portatili, ma l’effetto e’ piuttosto grezzo e si deve stare a una distanza precisa dallo schermo perche’ funzioni”, ha spiegato l’ingegnere a capo del progetto, Ramesh Raskar. “Il nostro sistema, invece, utilizza un algoritmo per determinare quali fette bidimensionali sono visibili da una certa angolazione. In seguito, l’immagine viene processata e inviata attraverso una serie di piccole lenti che rifrangono la luce all’angolo appropriato. In questo modo, il 3D diventa visibile senza gli occhiali e da qualsiasi punto della stanza stiamo osservando lo schermo”. (AGI) Red/Eli

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)