IN GB LA RICERCA POTREBBE DIVENTARE OPEN ACCESS

(AGI) – Londra, 18 lug. – Il governo inglese è sul punto di mettere in atto la controversa decisione di rendere la ricerca scientifica finanziata pubblicamente disponibile per tutti a partire dal 2014. Gli studi finanziati con le tasse dei cittadini potrannoo essere letti online completamente gratis da universita’, compagnie e singoli individui ovunque si trovino nel mondo. Lo ha dichiarato durante un’intervista al quotidiano britannico Guardian David Willetts, ministro dell’Universita’ e della Scienza. (AGI) Red/Eli (Segue)
“Ci vorra’ tempo, aspettiamo un passaggio completo all’open access nell’arco di 2 anni”, ha dichiarato Willets. “Se un cittadino ha pagato per una ricerca, ci sembra giusto consentire che possa leggerla liberamente senza dover pagare all’editore, come nell’attuale sistema”, ha aggiunto. Attualmente, le universita’ britanniche spendono circa 200 milioni di sterline all’anno per acquistare l’accesso alle ricerche scientifiche. Nel nuovo sistema, gli autori di una ricerca dovranno pagare una somma (stimata essere di 2000 sterline) per permettere che lo studio passi attraverso la peer review e la pubblicazione. La mossa del governo britannico segue il dibattito sull’accesso pubblico alla ricerca infiammato negli ultimi tempi, con proteste e boicotaggi da parte degli scienziati nei confronti degli editori. Tuttavia, non tutti sono convinti della bonta’ del nuovo sistema: alcuni scienziati intervistati dal Guardian hanno criticato il sistema del pagamento per gli articoli, i cui costi potrebbero lievitare e che sottrarrebbe fondi alla ricerca vera e propria. (AGI) Red/Eli

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)