NUOVI MEDIA: OGNI ITALIANO RESTA “CONNESSO” DUE ORE AL GIORNO

(AGI) – Roma, 19 lug. – E’ la “connessione” il nuovo paradigma della socialita’: gli italiani passano in media quasi due ore al giorno (i giovani due ore e mezza) al telefono, collegati ad un social network o in chat. E’ quanto emerge da “Comunicazione digitale – i nuovi stili della comunicazione”, lo studio condotto dall’Eures – Ricerche economiche e sociali su un campione rappresentativo di 618 cittadini maggiorenni. E’ una larga maggioranza (il 58,3%) ad essere convinta che proprio grazie alla diffusione delle nuove tecnologie la qualita’ delle proprie comunicazioni sia aumentata. E che le ragioni principali di questo saldo positivo siano rappresentate dall’immediatezza (83,7%) e dalla maggiore continuita’ (35,9%). C’e anche chi, al contrario, imputa ai nuovi media una diminuzione della qualita’ delle proprie comunicazioni lamentando minore partecipazione emotiva (54,3%), rischio di fraintendimenti e perdita di sfumature (43,4%, che sale al 54,2% tra le donne), interazione piu’ bassa (37,2%), perdita di spontaneita’ (22,5%) e rischi per la privacy (19,4%). Ciascun intervistato trascorre in media oltre un’ora al giorno al telefono (61 minuti, che salgono a 67 tra le donne), oltre mezz’ora collegato ad un social network (37 minuti, che diventano 42 tra le donne contro i 31 degli uomini) ed un tempo di poco inferiore (25 minuti) in chat. Inoltre ciascun intervistato afferma di inviare in media 16 sms al giorno e 20 e-mail: naturalmente, sono i piu’ giovani a vivere maggiormente il tempo della connessione, che risulta prevedibilmente piu’ esteso per i social network (49 minuti nella fascia 18-39 anni e 27 in quella di eta’ superiore), per le chat (33 minuti giornalieri contro 19) e per gli sms inviati (21 contro 13). Sostanzialmente uguale, invece, l’utilizzo quotidiano del telefono. Cresce, e non potrebbe essere altrimenti, lo spazio dei social network, che per il 18,9% del campione sono divenuti lo strumento abituale per aggiornarsi sulle novita’ interne alla sfera amicale (26,2% nella fascia 18-39 anni), mentre per un altro 15,1% costituiscono il canale principale per confrontarsi su questioni di attualita’, politica e cultura (18,1% tra gli under 39). Nella vita di coppia le comunicazioni avvengono per lo piu’ attraverso scambi diretti (44% delle risposte) o conversazioni telefoniche (38,5%), evidenziando una scarsa attenzione ai richiami e alle opportunita’ di comunicazione offerte dalle nuove tecnologie: uno spazio importante, seppur decisamente inferiore, e’ preso dagli sms (16,2%) e dalle e-mail (7,6%), mentre i social network veicolano solo il 4,6% dei contenuti. Tra gli altri contesti considerati, la famiglia risulta senza dubbio quello piu’ legato a forme e strumenti di comunicazione “tradizionali” (diretta e telefonica), con spazi e ruoli marginali per i nuovi media (la vera competizione sembra verificarsi tra la conversazione telefonica, al 54,3%, e la comunicazione diretta, al 31,8%) mentre sul lavoro e’ l’e-mail l’asse portante della comunicazione, abitualmente utilizzata dal 68,6% degli intervistati, molto di piu’ della posta cartacea (15,3%). Il ricorso abituale alla posta elettronica presenta i valori piu’ alti nella gestione dei curriculum vitae (86,4%), dei preventivi (78,2%), delle attivita’ promozionali (72,8%) e dell’organizzazione interna (73,8%); inferiore l’utilizzo per comunicare l’interruzione di un rapporto di lavoro (31,5%), dove affianca la classica “raccomandata” postale (29,9%) e la comunicazione diretta (29%). (AGI) Bas

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)