Telecom/ Male in Borsa (-4,8%), pesa stop Anatel a Tim Brasil

Authority brasiliana ha sospeso vendita di nuovi contratti

Roma, 19 lug. (TMNews) – Mattinata negativa per Telecom in Borsa, con una perdita di quasi il 5% dopo una decisione dell’Authority brasiliana per le tlc (Anatel) che penalizza la controllata sudamericana Tim Brasil. A Piazza Affari il titolo Telecom segna -4,77% a quota 0,7085 euro.

In Brasile l’Anatel ha imposto, in alcuni Stati, la sospensione della vendita di nuovi contratti telefonici per tre operatori (Tim Brasil, Claro e Oi), ritenendo elevato il volume dei reclami presentati dai clienti. Da lunedì prossimo, quindi, Tim Brasil non potrà  vendere servizi di telefonia mobile in 19 dei 27 Stati del paese sudamericano. Il divieto non colpisce però lo Stato di San Paolo, il più ricco e importante per il business.

Tim Brasil ha ora 30 giorni per presentare all’Anatel un piano di investimenti per migliorare la qualità  del servizio. Piano che sarà  valutato dall’Authority e, se approvato, ci sarà  la revoca immediata del divieto di fare nuovi contratti. Negli ultimi quattro anni, spiega la compagnia, Tim Brasil ha investito ogni anno 3 miliardi di reais (circa 1,2 miliardi di euro) per il rafforzamento del network.

Glv

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci