CINECITTA’:GHIZZONI, IL 26 SINDACATI IN COMMISSIONE CULTURA

PRESIDENTE, CHIEDEREMO ANCHE AUDIZIONE ORNAGHI

(ANSA) – ROMA, 19 LUG – “Il piano industriale di Cinecittà  non può, e non deve, restare una questione privatistica. Il Parlamento, e in particolare la Commissione competente, hanno il compito di verificare lo stato di un patrimonio professionale, culturale e industriale, riconosciuto nel panorama internazionale”, lo dice Manuela Ghizzoni, presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati, che annuncia per giovedì prossimo, 26 luglio, l’audizione in Commissione delle rappresentanze sindacali dei lavoratori di Cinecittà . “L’audizione della delegazione dei lavoratori di Cinecittà  è solo un primo passo che la commissione compirà  per fare luce su quanto sta accadendo nel più importante polo cinematografico del Paese. Nei prossimi giorni – annuncia Ghizzoni – chiederemo di audire anche il Ministro Ornaghi. Lo Stato continua a trattenere una quota del 20% di Cinecittà  Studios, pertanto non può esimersi dalla verifica dell’adempimento contrattuale e dal garantire che la vocazione culturale di un luogo simbolo del cinema italiano sia mantenuta. Gli studi di Cinecittà  sono un bene comune del nostro Paese e – ha concluso Ghizzoni – come tale devono essere rinnovati e valorizzati, affinché tornino ad essere motore per il rilancio del cinema italiano.” (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi