VENEZIA: NASCE PREMIO MYMOVIES ALLA MIGLIORE OPERA PRIMA

ROMA (ITALPRESS) – Il portale di cinema MYmovies e Kine’o, l’associazione no profit da dieci edizioni a capo del premio “Diamanti al Cinema Italiano”, lanciano la sfida al voto agli appassionati cinefili, chiamati ad eleggere le opere e gli artisti del cinema italiani.
Da questo incontro nasce il premio MYmovies alla Migliore Opera Prima che sara’ attribuito alla 69. Mostra del Cinema di Venezia, lunedi’ 3 settembre al Lancia Cafe’ nell’ambito della cerimonia di premiazione di Kine’o “Diamanti al Cinema”.
Per votare basta collegarsi al sito In’)>http://www.kineo.info/sondaggio/poll.php.
Innomination 7 film di registi esordienti molti dei quali hanno debuttato sui grandi palcoscenici della Mostra di Venezia o di altre prestigiose rassegne: “Scialla!” di Francesco Bruni, “Sette opere di misericordia” di Gianluca e Massimiliano De Serio, “La-ba’s. Educazione criminale” di Guido Lombardi, “Io sono Li” di Andrea Segre, “A.C.A.B.” di Stefano Sollima, “La kryptonite nella borsa” di Ivan Cotroneo, “Qualche nuvola” di Saverio di Biagio.
(ITALPRESS).
mgg/com

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo