TV: CHIAMBRETTI, IO ALLE IENE? UNA SUGGESTIONE

CONDUTTORE A ‘CHI’, TORNERO’ A GENNAIO CON PROGRAMMA ON THE ROAD

(ANSA) – ROMA, 24 LUG – “Il direttore di Italia 1, Luca Tiraboschi, ha espresso il desiderio di vedermi in un programma che mi sarebbe stato, in un certo senso, congeniale (Chiambretti é stato il primo inviato d’assalto, ndr), ma era solo una suggestione, credo che le ‘Iene’ abbiano una loro direzione e nomi definiti per affiancare Ilary Blasi”. Lo rivela Piero Chiambretti al settimanale ‘Chi’ nel numero in edicola domani, commentando le voci di una sua trattativa con lo storico programma di Davide Parenti. “Verso gennaio – aggiunge Chiambretti – vorrei realizzare un programma ‘on the road’, anche per risparmiare sullo studio, utilizzando come scenografia le città  italiane che faranno da teatro ai miei incontri. Un progetto che mi riporterà  all’antico, al mio primo programma ‘Il portalettere’, con qualche innovazione. E torno in seconda serata, il mio habitat ideale”. Sul suo rapporto con la politica, Chiambretti confessa: “Grillo crede a quello che dice, io no”. Infine, il conduttore parla per la prima volta del suo ruolo di padre di una bimba di un anno, Margherita. “Certe cose non capitano per caso – sostiene – e arrivano in un momento della vita in cui le affronti con maggior serenità . Mi emoziona essere riconosciuto come padre quando mia figlia mi chiama ‘da-da”, il suo sorriso mi dimostra che è una bambina felice. Federica, la mia compagna, è una mamma meravigliosa, lo pensavo già  prima che arrivasse nostra figlia”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi