Tv: Streamit apre al digitale, ”un anno con noi per provare il web”

(ASCA) – Roma, 26 lug – La televisione non e’ piu’ lo scatolone d’un tempo, al contrario sta cambiando pelle. Basta guardarsi intorno: il fiorire degli schermi e delle piattaforme fa ormai parte nella nostra vita La tv e’ sempre piu’ online, e anche in Italia, come in tutto il mondo, il pubblico tradizionale e’ via via affiancato da uno molto piu’ interattivo. Oggi entrare nel comparto televisivo significa appartenere al mondo digitale, un mercato ad alta competizione dove, a fare la differenza, tra le altre cose, c’e’ anche la capacita’ di ibridare la tv e internet. Questo perche’ la tv su internet costituisce un fondamentale strumento per la diffusione di contenuti video oltre che una valida opportunita’ pubblicitaria per le aziende investitrici. Sulla scorta di queste considerazioni la piattaforma web Streamit Twww.tv ha deciso di lanciare ”un ponte” agli operatori televisivi del digitale terrestre: l’idea e’ di mettere la propria piattaforma a disposizione di tutti i soggetti che intendono rafforzare la propria presenza in rete. ”Ci impegnano a trasmettere gratuitamente per un anno i canali degli editori televisivi locali, regionali e nazionali che ci contatteranno – spiega Gianni Armetta, presidente e fondatore assieme a Federico Luzi di Streamit Twww.tv – vogliamo far provare loro le potenzialita’ del web 3.0, la possibilita’ di affiancare strumenti come il video on demand e la pay per view. Grazie a internet potranno raggiungere la loro utenza anche quando e’ in movimento, oltre a rafforzare la copertura del loro segnale digitale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi