Apple/ Brevettata tv con tecnologia “a 5 dimensioni”

Interazione profonda con la realtà  virtuale

Roma, 26 lug. (TMNews) – Apple ha ottenuto un brevetto per una tecnologia televisiva definita “a 5 dimensioni”, destinata a collegare esseri umani ai computer tramite sensori, touchscreen e guanti per la realtà  virtuale. Secondo gli esperti del settore, si tratta di un brevetto al limite della fantascienza, che promette un’enorme possibilità  di applicazioni. Le potenzialità  della tecnologia 5D, vanno dal giovo interattivo, ben oltre le funzioni oggi presenti in sistemi come il Kinect di Microsoft, alla telepresenza e alla capacità  di riconoscere anche i gesti più complessi dell’utente per trasformarli in comandi o in interazioni nella realtà  virtuale. In prospettiva, Apple ritiene che tale tecnologia sostituirà  le interfacce oggi in uso, in particolare le tastiere e mouse. La tecnologia 5D non si limita allo schermo ma può permettere all’utente di interagire con oggetti non presenti fisicamente nella stanza ma frutto di rappresentazioni virtuali.  Un’applicazione singolare prevede display in Kevlar per poligoni di tiro, visto che la tecnologia potrà  calcolare la velocità  e la forza dei proiettili esplosi dall’utente. Finora, ovviamente si tratta soltanto di ipotesi, perché siamo a livello di brevetto, senza apparecchiature effettivamente realizzate, ma soltanto ipotesi di applicazioni. Tuttavia, è evidente che si va verso un mondo in cui la realtà  concreta e quella virtuale vanno a intrecciarsi in modo sempre più profondo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi