Samsung Electronics: aumenta quota globale smartphone 2* trim

HONG KONG (MF-DJ)–Samsung Electronics ha aumentato la sua quota del mercato globale degli smartphone nel secondo trimestre grazie a 50,5 mln di dispositvi consegnati e ampliato cosi’ il vantaggio su Apple. Lo ha dichiarato la societa’ di ricerca Strategy Analytics.
I risultati delle ricerche piu’ recenti indicano che la strategia di Samsung di vendere smartphone di fascia alta come di fascia bassa, combinata con una campagna di marketing aggressiva, ha aiutato l’azienda sudocreana rafforzare la propria presenza sul mercato globale. Allo stesso tempo, il calo della quota di mercato di Apple dimostra che molti consumatori hanno rinviato gli acquisti nel secondo trimestre in attesa del nuovo iPhone. Secondo la ricerca di Strategy Analytics, la quota del mercato smartphone di Samsung e’ quasi raddoppiata al 34,6% nel 2* trimestre dal 18,3% di un anno fa, mentre quella di Apple e’ diminuita al 17,8% dal 18,4%. Apple ha venduto 26 milioni di smartphone nel trimestre. La finlandese Nokia, che ha dominato il mercato dei cellulari nella era pre-smartphone, ha visto la quota di mercato crollare al 7% dal 15,1%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando