INTERNET: DA GOOGLE MOTORE RICERCA PER GLI OGGETTI NEI VIDEO

BREVETTATO UN NUOVO ALGORITMO, APPLICAZIONE PARTIRA’ DA YOUTUBE

(ANSA) – ROMA, 3 SET – Tramite Google tra breve sarà  possibile anche cercare degli oggetti nei video e nelle foto. L’azienda ha depositato un brevetto per l’algoritmo ‘Automatic large scale video object recognition’ (riconoscimento automatico su larga scala di oggetti video) che ha già  suscitato la preoccupazione delle associazioni di tutela della privacy. I primi a passare sotto la ‘lente’ del nuovo programma dovrebbero essere i video caricati su Youtube, piattaforma di proprietà  di ‘Big G’. Il sistema dovrebbe così aggiungere dei ‘tag’, cioé delle etichette che indicano ad esempio la presenza di un gatto, o di un particolare monumento, il che permetterebbe di fare ricerche non più solo sul titolo, ma anche sul corpo stesso del video. All’inizio dovrebbero essere 50mila le parole chiave caricate. Ma una possibile espansione preoccupa le associazioni: “Ancora una volta gli utilizzatori perderebbero il controllo di cosa succede con i loro dati – ha detto al Daily Mail Nick Pickles, direttore della Ong Big Brother Watch -. Se ad esempio venisse aggiunta a un video l’informazione sul luogo dove è stato girato, magari tramite il riconoscimento di un monumento famoso. Google può associare all’identità  di chi l’ha caricato molte più informazioni, come dove è stato o se ha degli animali. Questo tipo di potere non dovrebbe essere permesso senza il consenso dell’utente”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)