INDIA: VENDITA DIRITTI TV DEL KUMBH MELA, E’ POLEMICA

PER PAGARE COSTI DEL MEGA RADUNO INDUISTA SUL GANGE NEL 2013

(ANSA) – NEW DELHI, 04 SET – Lo stato settentrionale dell’Uttar Pradesh, uno dei più poveri dell’India e in crisi finanziaria, ha deciso di vendere i diritti televisivi del Kumbh Mela, il famoso pellegrinaggio induista che si terrà  a partire dal 2013, per recuperare parte dei costi di organizzazione del gigantesco evento a cui partecipano milioni di fedeli. L’insolita iniziativa ha però creato un’infuocata polemica in India e ha mandato su tutte le furie i gruppi religiosi che si oppongono alla “commercializzaione” della cerimonia sacra considerata una delle più grandi del mondo. “Come è possibile che il governo pensi di fare soldi sfruttando gli eventi religiosi?” si è chiesto scandalizzato il responsabile di Ganga Sena, una delle numerose associazioni religiose coinvolte, citato dai media indiani. “E’ come se si vendessero i diritti della Messa di Natale in Vaticano o della festa mussulmana dell’Id alla Mecca. Il governo dell’Uttar Pradesh non possiede il Kumbh Mela e non ha quindi alcun diritto di sfruttarlo economicamente”, ha aggiunto. Il mega pellegrinaggio, che si tiene ogni 12 anni, si svolgerà  dal 27 gennaio al 13 febbraio nella città  di Allahabad sulle rive dei fiumi sacri Gange e Yamuna (e del mitologico Saraswati). Nell’ultima edizione del 2001, circa 40 milioni di persone avevano partecipato ai bagni rituali con enormi costi per l’organizzazione in termini di logistica e sicurezza.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi