USA 2012: DAI SOCIAL NETWORK INFLUENZA MODESTA SU OPINIONI

PEW RESEARCH CENTER, MAGGIORE IMPATTO E’ TRA I DEMOCRATICI

(ANSA) – ROMA, 4 SET – I social media hanno un ruolo “modesto” nell’influenzare le opinioni politiche della maggior parte degli utenti degli Stati Uniti e il maggiore impatto lo hanno tra i democratici: lo dice un sondaggio del Pew Research Center, sulla scia dell’uso che Barack Obama e il suo sfidante Mitt Romney fanno dei social network in vista delle elezioni di novembre. Secondo l’indagine, l’84% degli utenti dei social ha dichiarato che nei loro post recenti ha pubblicato “poco o nulla” legato alla politica. “Per la maggior parte degli utenti che usano i social network il materiale politico è solo una piccola parte di ciò che pubblicano e che leggono. L’impatto dei siti sociali è modesto”, spiega Lee Rainie, direttore del progetto Pew. In particolare, l’indagine dimostra che stare al passo con le notizie politiche è “molto importante” o “abbastanza importante” per il 36% degli utenti dei social network; per il 26% è “molto importante” o “abbastanza importante” essere coinvolti in questioni politiche; mentre per un quarto degli utenti intervistati è “molto importante” o “abbastanza importante” discutere di questioni politiche. Infine, gli utenti con orientamento democratico sono più portati a considerare i social network importanti. Un terzo di questa fascia di utenti dice che l’attività  di condivisione li ha portati ad essere più attivi. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi