Pubblicità  sui media – Gennaio/giugno 2012

Nielsen Media Research: il mercato pubblicitario italiano nel periodo gennaio/giugno 2012.

Il commento di Nielsen
Il semestre si è chiuso con un dato consolidato del mercato in calo del 9,7% rispetto al periodo omologo del 2011. In quest’ambito la stampa quotidiana segna un calo del 13,5% e la periodica del 14,8% confermando sostanzialmente il trend dei mesi precedenti. Tv nel complesso a -9,5% con andamenti differenti al suo interno dovuti anche all’effetto Europei di calcio; radio che conferma esattamente il trend fermandosi ad un -5,5%; internet a +11,2% conferma la crescita ed il momento positivo. Outdoor a -14,3%, ‘OOH’ e ‘Transit’ rispettivamente a -7,2% e -12,5%. Cinema a -21,9%.
Calo generalizzato nei settori fatta eccezione per Tempo libero (+24,8%) e Turismo (+7,6%) con i principali (Alimentari, Automobili) che calano meno rispetto alla media di mercato (rispettivamente a -7,7% e -5,5%) e telecomunicazioni che invece continuano nel loro sentiero negativo a -19,1%, il farmaceutico infine a -1,6%.
Sul perimetro rilevato dal Nielsen il secondo semestre si confronterà  con una seconda metà  2011 che aveva fatto segnare un -3,2% rispetto all’anno precedente.

– Il mercato pubblicitario italiano – gennaio/giugno 2012 (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

TOP 15 VIDEO CREATOR DI LUGLIO. Cucina, scherzi e videogiochi i temi più gettonati sui social

TOP 15 VIDEO CREATOR DI LUGLIO. Cucina, scherzi e videogiochi i temi più gettonati sui social

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre