RAI: CODACONS,OK SPAZI PUBBLICITA’ LEGATA A QUALITA’ DEL PRODOTTO


(AGI) – Roma, 4 set. – Il Codacons promuove il nuovo corso della Rai avviato dai vertici della rete di recente nomina.  In particolare l’associazione ritiene utile e intelligente l’inserimento dei tre direttori delle reti televisive nel Cda della Sipra, la concessionaria di pubblicita’ della tv di Stato. “Tale novita’ – spiega il presidente Carlo Rienzi – fornira’ nuove e piu’ ampie responsabilita’ ai direttori di rete, chiamati a rispondere in modo diretto di eventuali cali nella raccolta, e produrra’ effetti positivi sul fronte della qualita’ dei prodotti, creando dei palinsesti sempre piu’ allettanti per i pubblicitari e interessanti per i telespettatori”.  Bene per il Codacons anche la notizia di un maggior numero di fiction sul sociale e su tematiche vicine ai cittadini. “Se davvero la Rai si dedichera’ con maggiore attenzione al sociale e ai problemi della gente, non solo svolgera’ al meglio la sua funzione di servizio pubblico, ma soddisfera’ le esigenze degli utenti, stanchi di assistere a fiction di scarso contenuto giunte alle terza o quarta serie” – aggiunge Rienzi. L’associazione, che attraverso il suo Osservatorio TV vigilera’ sulla nuova impronta data alla Rai, promuove infine la scelta di Lorenza Lei ai vertici della Sipra, nomina finalmente fondata sul merito e sull’autonomia che consentira’ alla concessionaria di essere guidata da un soggetto proveniente dalla stessa Rai, esperto e con enormi competenze specifiche

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi