Cinema/ Italiano Carlo Chatrian direttore del Festival di Locarno

Solo un anno fa Barisone alla guida di Nyon

Aosta, 5 set. (TMNews) – Il cinema internazionale parla sempre più italiano: al Festival del film di Locarno, in Svizzera, l’aostano Carlo Chatrian, 40 anni, dal primo novembre prenderà  il posto del dimissionario Olivier Père.

Critico cinematografico, Chatrian collabora con il Festival dal 2002, dal 2006 al 2009 ha fatto parte del comitato di selezione ed ha curato le retrospettive degli ultimi anni.
Un altro italiano, Luciano Barisone, è già  da un anno alla guida del Festival di Nyon, un altro dei più importanti al mondo. I due critici si sono conosciuti tempo fa in Valle d’Aosta, dove hanno collaborato a lungo e si sono passati il testimone alla guida del “Giro del mondo in 80 film”, sezione cinema della “Saison Culturelle”.

“Siamo amici – racconta Chatrian a TMnews – e ora in qualche modo anche in competizione. Barisone mi ha sempre sostenuto: ora si intensificherà  la collaborazione con il Festival di Nyon che lui dirige”.

VdA

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo