Amazon: arrivano in Italia i nuovi tablet Kindle Fire

MILANO (MF-DJ)–Forte di una quota di mercato del 22% negli Stati Uniti, si prepara a sbarcare in Italia il tablet Kindle Fire, un servizio piu’ che un dispositivo, pronto a ripetere il successo del lettore di ebook introdotto poco prima dello scorso Natale. Amazon continua cosi’ la propria strategia di espansione attraverso l’offerta di servizi pensati per rendere unica l’esperienza di acquisto e di consumo da parte dei clienti.  Lo ha affermato Diego Piacentini, senior vice president international di Amazon, in un’intervista rilasciata a Milano Finanza, precisando che Kindle Fire ruota intorno ai media con un concetto di servizio, dal momento che la fruizione dei contenuti deve essere accompagnata da un dispositivo di supporto, esattamente l’opposto della maggior parte delle aziende, che propone invece il tablet innanzitutto come dispositivo a se’ stante.  Inoltre, aggiunge Piacentini, “il prezzo di questi tablet e’ tenuto il piu’ basso possibile, cosi’ come quello di tutti i contenuti pensati per la vendita e la fruizione attraverso gli stessi. Insistiamo molto sul concetto di prezzo, perche’ siamo convinti che i contenuti debbano essere pagati per creare un circolo virtuoso che parta dai produttori per arrivare ai consumatori, comprendendo libri, film, giornali e applicazioni”.  Il senior vice president international di Amazon, si dice molto fiducioso “sulle potenzialita’ del Kindle Fire, non solo in Italia ma in tutta Europa” e, in merito alla crescita di Amazon ha sottolineato che la societa’ “non e’ mai stata un’azione per investimenti nel breve periodo, come abbiamo sempre detto con grande trasparenza. I tablet sono una condizione necessaria per proseguire nel nostro cammino, ma non sufficiente. Dobbiamo continuare a lavorare per lanciare nuovi servizi che ne sfruttino le potenzialita’, ma crediamo costituiscano un investimento che dara’ ritorni soddisfacenti a noi e ai nostri azionisti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando