GIORNALISTI: RIASSUNTO CON ART.18,LICENZIATO CON NUOVA NORMA

Condividi

(ANSA) – MILANO, 9 SET – Licenziato illegittimamente e riassunto ancor prima della causa per violazione del vecchio art.18 dello Statuto dei lavoratori, è stato nuovamente licenziato sulla base delle nuove disposizione della riforma del lavoro del ministro Elsa Fornero. E’ accaduto a Milano a un giornalista di Tecnomovie, società  che fornisce i contenuti a Sisal Tv, che ha circa 35 dipendenti. E’ forse il primo caso di applicazione del nuovo art.18 nella categoria. Sono state applicate le procedure della legge 28/6/2012, appunto l’art.18 modificato che consente i licenziamenti economici individuali e che in caso di una loro illegittimità  prevede solo un risarcimento monetario. Il lavoratore, Antonio Voceri, 44 anni, sposato e con due figli, assistito dall’Associazione lombarda dei giornalisti (Alg), ha impugnato il provvedimento ritenendolo nullo (in questo caso il dipendente viene reintegrato) perché – come scritto nella procedura di conciliazione obbligatoria davanti alla Direzione territoriale del lavoro – è “una ritorsione relativa al precedente licenziamento illegittimo ed è anche discriminatorio”. “Oltretutto – vi si legge – vi sarebbe anche la possibilità  di un diverso collocamento in azienda”. Dal canto suo Tecnomovie “contesta quanto dichiarato dal lavoratore, dichiarando che tale licenziamento non è discriminatorio, non è ritorsivo e non è illegittimo” e che “soprattutto il lavoratore non è ricollocabile”. L’azienda ha offerto sei mensilità  per evitare la causa. Proposta declinata da Voceri. “Il sindacato dei giornalisti ha da subito messo in guardia sulla pericolosità  del nuovo art.18 – ha commentato il presidente dell’Alg, Giovanni Negri -. Sono convinto che il giudice di fronte alla palese nullità  del licenziamento provvederà  al reintegro”. (ANSA)