INTERNET: EMMA WATSON LA PIU’ PERICOLOSA DA CERCARE SUL WEB

STUDIO MCAFEE, CYBERCRIMINALI SFRUTTANO TENDENZE PIU’ IN VOGA

(ANSA) – ROMA, 10 SET – Emma Watson ha sostituito Heidi Klum nel ruolo di celebrità  più pericolosa da ricercare online: lo dice McAfee, società  specializzata in tecnologia della sicurezza. Per il sesto anno consecutivo, McAfee ha analizzato i risultati delle ricerche effettuate sul web riguardanti le celebrities, rilevando anche che le donne mettono più a rischio la sicurezza degli internauti rispetto agli uomini. Il comico Jimmy Kimmel è infatti l’unico maschio all’interno della top 20 del 2012. “Spesso – dice McAfee – i criminali informatici sfruttano le tendenze più in voga e i nomi delle celebrità  per attirare le persone verso siti che in realtà  nascondono software dannosi e che sono stati progettati per rubare password e informazioni personali. I risultati più pericolosi di quest’anno erano associati alla ricerca del nome delle celebrità  con ‘download gratuiti’ e ‘foto nuda’. Secondo lo studio ‘McAfee Most Dangerous Celebrities’, dopo Emma Watson le più pericolose sul web in termini di sicurezza sono Jessica Biel e Eva Mendes; ma nella top ten ci sono anche Selena Gomez, Shakira, Salma Hayek e Sofia Vergara. In particolare, la società  ha scoperto che volendo ricercare le più recenti immagini di Emma Watson c’é una probabilità  del 12.6% di arrivare su un sito web positivo alle minacce online. Per McAfee “i download gratuiti sono significativamente il termine di ricerca a rischio più elevato”, per proteggersi bisogna “prestare attenzione quando viene chiesto di scaricare qualcosa prima di fornire all’utente contenuti” e “scegliere di guardare i video in streaming o di scaricare contenuti da un sito riconosciuto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)