Tv: asta frequenze in un vicolo cieco (Rep)

ROMA (MF-DJ)–L’asta per le frequenze televisive finisce in un vicolo cieco. Lo scrive Repubblica, ricordando che la gara dovrebbe portare nelle casse dello Stato circa 1,5 miliardi di euro.
In risposta a un’interrogazione parlamentare, rende noto il quotidiano, il Ministero dello Sviluppo Economico ammette che non sono nella sua disponibilita’ una parte dei canali tv che vorrebbe vendere. In alcune Regioni, Rai ed emittenti locali occupano a pieno titolo alcune frequenze in vendita.
Problemi ci sono anche per le frequenze di altissimo pregio che il Governo Berlusconi, a settembre 2011, ha ceduto a Telecom I., Vodafone e Wind; operatori che ne devono entrare in possesso entro Capodanno, contratto alla mano. In alcune Regioni il Governo non e’ riuscito a reimpossessarsi delle frequenze in banda 800 e ha lanciato un bando con lo scopo di trasferire le emittenti riluttanti dai canali di pregio verso altri meno efficienti, di cui dispone.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi